Apocalisse

La rivelazione di Gesù Cristo

Il sigillo del Dio vivente

Studio n. 13    Cap. 7

 


 

(nella foto: un sigillo reale)

 

 

Apocalisse 7:1 Dopo questo, vidi quattro angeli che stavano in piedi ai quattro angoli della terra, e trattenevano i quattro venti della terra perché non soffiassero sulla terra, né sopra il mare, né sugli alberi. 2 Poi vidi un altro angelo che saliva dal sol levante, il quale aveva il sigillo del Dio vivente; e gridò a gran voce ai quattro angeli ai quali era stato concesso di danneggiare la terra e il mare, dicendo:3 «Non danneggiate la terra, né il mare, né gli alberi, finché non abbiamo segnato sulla fronte, con il sigillo, i servi del nostro Dio». 4 E udii il numero di coloro che furono segnati con il sigillo: centoquarantaquattromila segnati di tutte le tribù dei figli d'Israele: 5 della tribù di Giuda dodicimila segnati; della tribù di Ruben dodicimila; della tribù di Gad dodicimila;6 della tribù di Aser dodicimila; della tribù di Neftali dodicimila; della tribù di Manasse dodicimila; 7 della tribù di Simeone dodicimila; della tribù di Levi dodicimila; della tribù di Issacar dodicimila;8 della tribù di Zabulon dodicimila; della tribù di Giuseppe dodicimila; della tribù di Beniamino dodicimila segnati.

 

Primo che l’Agnello rompa l’ultimo sigillo del rotolo del “destino dell’umanità” Giovanni riceve una nuova visione di coloro che hanno creduto e ricevuto il perdono e la salvezza durante la grande tribolazione.

Sono i lavoratori dell’ “undicesima ora” … amati come i primi (Matteo 20:9-16)

 

Il giudizio finale trattenuto

“ vidi quattro angeli che stavano in piedi ai quattro angoli della terra”

I quattro angoli della terra ricordano i quattro punti cardinali e rappresentano geograficamente l’intero pianeta

I quattro venti sono una immagine ricorrente nell’AT (cfr Zaccaria 6:5) e rappresentano la forza distruttiva del giudizio divino

 

“ il quale aveva il sigillo del Dio vivente”

Un quinto angelo ha con sé il “sigillo di Dio”

Il sigillo era comunemente utilizzato nell’antichità per dimostrare l’appartenenza

Il “sigillo del Dio vivente” è su Cristo – Giovanni 6:27 e sui suoi redenti (2 Corinzi 1:21-22)

E’ il sigillo dello Spirito Santo – Efesini 1:13

1Corinzi 3:22-23 …  E voi siete di Cristo; e Cristo è di Dio.

 

I “risparmiati”  (Apocalisse 14:1-5)

“finché non abbiamo segnato sulla fronte, con il sigillo, i servi del nostro Dio…”

Il passo ricorda da vicino Ezechiele 9:2-4

 

Prima che il giudizio si manifesti Dio segna i suoi servitori affinché siano risparmiati …

Il sangue sugli stipiti delle case di Israele                                   Esodo 12:23

La cordicella di filo rosso alla finestra della casa di Raab                Giosuè 2:18

Nell’ora del giudizio e dell’ira dell’Agnello Dio risparmierà i suoi servitori Malachia 3:16-18 – Salmo 91:7

2 Timoteo 2:19 “Il Signore conosce quelli che sono suoi” 

 

Gli irreprensibili 144.000 sulla terra

“ E udii il numero di coloro che furono segnati con il sigillo: centoquarantaquattromila segnati di tutte le tribù dei figli d'Israele…

 

Il capitolo presenta due schiere distinte :

144.000  Israeliti

Una grande folla di tutte le nazioni

 

La Chiesa è già raccolta presso il Signore e Israele torna ad essere il punto di riferimento per le nazioni della terra – Isaia 66:18-19

    

Strane interpretazioni sui 144.000

Secondo le dottrine dei TdG i 144.000 sarebbero  i credenti più meritevoli – i  “nati di nuovo” : dai primi 120 del giorno di pentecoste ai nostri giorni (sono gli unici che possono partecipare alla santa cena (?) - l'annuario dei TdG del 2003 parlava ancora di 8760 (?)  “unti” viventi).

 

Altri commentatori pensano ai 144000 servitori di Dio come a una rappresentazione simbolica della chiesa (?)

 

Nei due capitoli in cui sono menzionati i 144.000, si nota che tali credenti hanno delle precise prerogative:

sono tutti esclusivamente ebrei di nascita  (7:4-8);

sono tutti maschi (14:4);

sono tutti celibi (14:4);

sono tutti irreprensibili (14:5)

svolgeranno il loro ministerio durante la Grande Tribolazione (14:6-13);

 

Il numero 144.000 è simbolico (il numero 12 è il numero del patto di Dio con gli uomini : 12X12X1000=144000

Dodici sono le tribù di Israele, dodici gli apostoli del Signore …

 

L’assenza della tribù di Dan ha sollevato diverse ipotesi e interpretazioni:

1) E’ la tribù dalla quale sorgerà l’anticristo (Daniele 11:37 – Geremia 8:16 – Genesi 49:17)

2) E’ stata distrutta per la sua apostasia idolatria e non è tornata dalla deportazione (Giudici 18:30)

3) Nonostante tutto Dan come tribù sarà redenta e parteciperà al regno nel millennio (Ezechiele 48:1)

 

anche Efraim non è nominato e viene chiamato “Giuseppe” mentre Levi che solitamente non è contato è compreso nell’elenco …

 

I 144000 rappresentano quindi quella parte di Israele che si convertirà al Signore durante la grande tribolazione e sarà miracolosamente preservata dalle piaghe di quei tragici giorni  - Israele rimane popolo di Dio e sarà salvato prima della fine (Romani 11:1- 11:26 – Matteo 23:39) una schiera di evangelisti che porteranno a Cristo una folla immensa di redenti. Gesù mandò un giorno i 12 negli ultimi giorni manderà i 144000 …

 

Una folla immensa di tutte le nazioni nel cielo

 9 Dopo queste cose guardai e vidi una folla immensa che nessuno poteva contare, proveniente da tutte le nazioni, tribù, popoli e lingue, che stava in piedi davanti al trono e davanti all'Agnello, vestiti di bianche vesti e con delle palme in mano.10 E gridavano a gran voce, dicendo: «La salvezza appartiene al nostro Dio che siede sul trono, e all'Agnello».11 E tutti gli angeli erano in piedi intorno al trono, agli anziani e alle quattro creature viventi; essi si prostrarono con la faccia a terra davanti al trono e adorarono Dio, dicendo:12 «Amen!

Al nostro Dio la lode, la gloria, la sapienza, il ringraziamento, l'onore, la potenza e la forza, nei secoli dei secoli! Amen».13 Poi uno degli anziani mi rivolse la parola, dicendomi: «Chi sono queste persone vestite di bianco e da dove sono venute?»14 Io gli risposi: «Signor mio, tu lo sai». Ed egli mi disse: «Sono quelli che vengono dalla grande tribolazione. Essi hanno lavato le loro vesti, e le hanno imbiancate nel sangue dell'Agnello.15 Perciò sono davanti al trono di Dio e lo servono giorno e notte, nel suo tempio; e colui che siede sul trono stenderà la sua tenda su di loro.16 Non avranno più fame e non avranno più sete, non li colpirà più il sole né alcuna arsura;17 perché l'Agnello che è in mezzo al trono li pascerà e li guiderà alle sorgenti delle acque della vita; e Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi».

 

La grazia di Dio si manifesta trionfante anche nell’ora più buia per l’umanità …

E’ una folla di vincitori giubilanti , uno spettacolo di gioia e gloria indescrivibile

 

Amen! andrebbe sempre utilizzato con il punto esclamativo perché esprime nel suo significato più intimo certezza e convinzione

 

Dio asciugherà ogni lacrima dai loro occhi …

Il pianto , la manifestazione visibile che accompagna i dolori e le tristezza della nostra vita terrena in cielo non esisterà più … Apocalisse 21:4, Isaia 65:19 .

Esisterà solo nel luogo della separazione eterna - Luca 13:28

  

  

V.Mungai

 

Potete scaricare, copiare, stampare e distribuire questo materiale ; vi chiediamo gentilmente invece di non  pubblicarlo in altre pagine web ma di effettuare dei collegamenti (link) ai messaggi  di questo sito.

 

La Pietra Angolare - per contattarci scrivi alla redazione

 

Copyright © 2002 La Pietra Angolare – Tutti i diritti riservati

www.Pietralata.it